bannerone int

1° Motogelata - Ponte a Moriano (LU), 16-17 febbraio 2008


16 - 17 Febbraio 2008
L'impazienza si fa sentire prepotente quando arriva il momento di aprire il garage e mettere in moto la nostra xt. Spesso è molto tempo che è ferma nel box, e questo rende l'incontro con la nostra amata due ruote ancora più appagante. L'inverno, è una stagione avara con il motociclista. Freddo e pioggia rendono l'utilizzo della nostra amata due ruote più problematico rispetto all'estate. Ma la voglia di xt 500 è troppa anche con il freddo. Quando il nostro intrepido Sauro "Buba" propone di interrompere il digiuno invernale con un raduno, il resto della banda, è il caso di dirlo, lo segue a ruota. Nasce così la prima edizione della "Motogelata". Claudio "Poderosa xt500" diventa il volano dell'iniziativa. A lui si deve la scelta del luogo e un'organizzazione splendida sotto tutti gli aspetti. Veri alfieri della Motogelata però sono quelli che il 16 febbraio hanno lasciato le proprie case per dirigersi alla volta di Lucca in sella all'XT500. Max "Pisolo" (Sanremo) vince il premio destinato a chi arriva da più lontano, seguito dal gruppetto dei fiorentini capitanato da Buba in compagnia di Tiziano Corti e Massimiliano "Barda". Dal litorale giungono Daniele "Grunf" e Matteo Cantoni. Molti altri (tra cui io ndr) sono arrivati su quattro ruote. Distanza, assicurazioni scadute e moto in fase di restauro, sono alcune delle ragioni che hanno costretto alcuni a privarsi del piacere dell'uscita invernale. 
Claudio "Poderosa xt 500" ci riceve in compagnia degli amici Franco e Paolo in sella alle loro endurone bavaresi. Il gruppo così riunito lascia Lucca percorrendo la statale dell'Abetone in direzione nord. La prima sosta è al bar "Il Pescatore" a Borgo a Mozzano per un veloce aperitivo. Appena il tempo di riscaldarsi e si rimonta in sella. Si parte per il giro, che dalla Garfagnana si inerpica sulle Alpi Apuane percorrendo strade con panorami e vedute mozzafiato, transitando per caratteristici villaggi come Fabbriche di Vallico o Pescaglia che meriterebbero altre soste. Ma il rifugio Matanna, meta dello stop di pranzo, è lassù in alto e i tornanti da percorrere ancora molti. Per il sottoscritto, socio del club da pochi mesi, la Motogelata rappresenta la prima occasione di incontrare altri soci e farsi conoscere. Dato che non mi è stato possibile venire in moto, decido quindi di aspettare gli altri al ristorante del rifugio Matanna e mi apposto in posizione strategica per riprendere l'arrivo del gruppo delle xt. Puntuale verso l'una si ode in lontananza un rumore rassicurante e familiare: è il suono del mitico monocilindrico… stanno arrivando. Sfilano davanti a me una dopo l'altra sette magnifiche xt 500. Presentazioni, saluti, strette di mano e tutti a tavola! 
Complice l'ottimo pranzo innaffiato dal vino rosso locale, l'atmosfera si scioglie ulteriormente. Terminate le libagioni lasciamo la cima del Matanna per scendere a valle. Le sette xt proseguono per un puntata in fuoristrada (guado del fiume incluso) fino alla volta della Croce di Brancoli per poi ricongiungersi in serata al Pabli e al sottoscritto alla casa di Palmata nei pressi di Ponte a Moriano, sede del nostro raduno. Alla base, in cucina la regia è di Antonio e Baba, che si rivelano cuochi da guida Michelin. Il menu prevede vari antipasti e due primi, e una porchetta intera come secondo. Nel tardo pomeriggio le xt rientrano dal giro in fuoristrada. Ci sono quasi tutti: Manuel "Sciotatore", Maurizio e Marco "Exidor" arrivati da Milano. Dalla Capitale sono giunti Luigi "il Mastro", Max De Angelis e il segretario Gianluca con annesso gesso e stampelle che non sono stati sufficienti a fermarlo. Infine Amedeo "Ame" da Pescara. Dopo un vera "xt cena" si tira tardi tutti assieme tra una chiacchiera, una grappa o un'amaro. Come da programma il mattino seguente siamo di nuovo assieme alla casa di Palmata per la xt 500 convention. Ferrino, il nostro Presidente ci ha raggiunto di buon'ora. Ci sono parecchie cose da programmare per il 2008, considerato che ci apprestamo a raggiungere il decimo anno di attività. La riunione del direttivo termina a fine mattinata con una buona serie di propositi. Un pelo di malinconia ci avvolge quando si avvicina l'ora di partire. Il bilancio della prima Motogelata è ottimo. La formula raduno e convention un successo. Un evento invernale che si affianca ad altri già collaudati come lo Sbornisotto e il Motoperpetuo. A questo punto la parola d'ordine è appuntamento alla prossima Motogelata! 

Beppe Xt 

N.d.R. Ancora una volta Claudio e la sua Banda ci hanno regalato un week-end da ricordare!

Informazioni aggiuntive